Le vigne e gli ulivi, il lago e le città d'arte

UNA VACANZA SUL LAGO DI GARDA

Il lago è spesso la prima ragione di una vacanza nei nostri luoghi, soprattutto nei mesi estivi quando vi si può nuotare. La temperatura dell'acqua consente normalmente il bagno dalla seconda metà di maggio alla fine di settembre. In anni favorevoli anche all'inizio di maggio e nel mese di ottobre.

Da parecchi anni il lago di Garda è circondato da un sistema di raccolta degli scarichi dei paesi costieri che conduce a un impianto di depurazione situato a Peschiera. Se inoltre si pensa che sulle coste del lago e anche nella valle del Sarca, suo immissario, sono pressoché assenti insediamenti industriali, possiamo considerare notevoli le odierne garanzie sulla pulizia delle acque del Garda e sulla salute di chi vi si bagna. Noi stessi, per almeno cinque mesi all'anno, facciamo il bagno tutti i giorni.

Ma il lago può essere goduto in tanti altri modi: per esempio con il sistema di navigazione pubblico con il quale è possibile visitarlo in modo lento e rilassante senza prendere l'automobile, scendendo a piedi dalla nostra casa al porto di Portese (500 metri circa). Oppure percorrendo sentieri sulle montagne circostanti, dove a diverse altitudini si cammina (o si pedala) in mezzo agli olivi, ai castagni o alle querce, con emozionanti vedute sulle coste e sulle acque; o ancora, affittando una canoa, una piccola barca a vela o a motore nei centri nautici delle vicinanze.

Infine un indirizzo che consigliamo a chi è interessato a conoscere la sorprendente ricchezza del territorio gardesano: il Centro visitatori di Prabione di Tignale è uno spazio espositivo che documenta gli elementi di grande valore naturalistico, paesaggistico, storico e artistico del Parco Regionale dell'Alto Garda Bresciano e dell'intero lago di Garda.

UNA VACANZA ACCANTO ALLE CITTA' D'ARTE

Tanti turisti stranieri vengono in Italia per le città e i luoghi dove si è sedimentata la straordinaria esperienza di civiltà e di cultura del nostro paese.
Vi sono delle stagioni, la primavera e l'autunno, in cui il lago passa in secondo piano e fa soltanto da sfondo alla vacanza. O da intermezzo per il riposo tra una visita e l'altra. Queste stagioni, ma anche l'inverno con la sua minor piovosità e certe bellissime giornate fredde e limpide, consentono visite meno affollate e le città mostrano la loro faccia più autentica.

Il lago di Garda spesso è scelto perché in posizione centrale rispetto alle città del nord Italia: Venezia (160 km) e Milano (130 km) sono a circa un'ora e mezza di automobile da Le Chiusure, e a distanze inferiori si possono visitare città come Verona (50 km), Mantova (60 km), Brescia (35 km), Bergamo (75 km), Padova (140 km), Vicenza(110 km). Le loro piazze, i loro monumenti, i loro musei, l'atmosfera stessa che vi si respira costituiscono un'esperienza straordinaria per chi è in cerca dell'essenza del nostro paese.

Per concludere, due citazioni per un museo e per una manifestazione: il Museo di S. Giulia a Brescia, storia della città dall'epoca romana raccontata nel succedersi dei secoli attraverso collezioni e architetture museali di eccezionale interesse; e il Festival della Letteratura all'inizio di settembre a Mantova, manifestazione frequentata da narratori di rilievo internazionale e dagli appassionati dei libri e della lettura.

UNA VACANZA TRA LE VIGNE E GLI ULIVI

Le Chiusure è prima di tutto un'azienda viticola e olivicola. Per chi ne è curioso un'occasione per conoscere il vigneto, l'oliveto e i loro prodotti.
Il periodo della raccolta è sicuramente il momento più interessante: fine settembre e ottobre per la vendemmia e le fermentazioni in cantina, novembre per la raccolta delle olive.

Ma anche la fase primaverile della ripresa vegetativa nel vigneto (aprile) e della fioritura di vigna e olivo (fine maggio) valgono una visita nei campi.

Ci piace sottolineare la vicinanza (non solo fisica) tra la casa, gli alloggi, la cantina e i campi coltivati. Perché una settimana di vacanza a Le Chiusure sia veramente tra la vigna e gli olivi.